Donna imprenditrice

Dallo scorso Dicembre, il Ministero dello Sviluppo Economico ha incrementato il numero di agevolazioni per la nuova imprenditorialità giovanile e femminile.

Si potranno ottenere finanziamenti a tasso zero fino a 3 milioni di €, con una importante quota a fondo perduto.

Analizziamo “in pillole” tutte le possibilità che questa riforma promuove.

Chi potrà usufruirne?

  • Micro e piccole società (con meno di 50 dipendenti e un fatturato e un totale attivo in bilancio di non più di 10 mln €/anno);
  • Costitute da non più di 60 mesi (o costituende) con prevalente o totale partecipazione giovanile (18-35 anni) o femminile (di qualsiasi età).

Quali sono i settori nei quali si possono promuovere piani di investimento?

  • Produzione beni nel settore industria o artigianato;
  • Trasformazione dei prodotti agricoli;
  • Servizi alle imprese e/o alla persona;
  • Commercio di beni e servizi.

Vi consigliamo di tenere in particolare considerazione, nel momento della presentazione della richiesta di finanziamento e nella fase di controllo successiva, i seguenti aspetti:

  • Organizzazione di un adeguato presidio di competenze tecniche, gestionali ed organizzative nella società, e predisposizione di una sede idonea;
  • Redazione di un progetto coerente con l’attività d’impresa e con le potenzialità del mercato;
  • Definizione della sostenibilità dell’iniziativa proposta e degli aspetti economici e finanziari;
  • Determinazione puntuale del costo del programma ammissibile, che deve essere funzionale e coerente;

Il procedimento per la richiesta e la concessione del finanziamento è molto rigido e le formalità da adempiere sono numerose: si deve prestare la massima attenzione sia agli adempimenti formali, rilevanti soprattutto nella fase dell’istruttoria della domanda, che a quelli sostanziali, rilevanti in fase di colloquio e controllo del soggetto gestore. Il progetto deve essere calzante per la propria impresa, anche sottolineando il plus del proprio prodotto/servizio a seguito di indagini di mercato comparative e prospettiche.

I termini e le modalità di presentazione della domanda saranno pubblicati sui siti www.invitalia.it e www.mise.gov.it.